Recensioni

Le recensioni sono elencate in ordine alfabetico; qualche volta però l’ordine viene sovvertito per raggruppare assieme i titoli di una medesima serie.

La lista è un work in progress e verrà aggiornata man mano che il passaggio a WordPress verrà proseguito.

Arcania: Gothic 4
Il primo passo di Spellbound nel mondo dei GdR per computer è una mezza delusione, ma anche una possibile risposta alla domanda: quanto ci si può allontanare da una etichetta pur continuando a utilizzarla?

Avencast
Arriva dall’Austria l’ennesimo nuovo esponente dell’affollatissima categoria degli action-RPG. Cerchiamo di capire se Avencast ha le carte in regola per riempire dignitosamente i mesi di attesa che ci separano da Diablo III.

Baldur’s Gate
Il gioco di ruolo che Bioware realizza nel 1998 dà il ‘la’ a una vera e propria rinascita del genere, fino a quel momento da molti anni trascurato dai programmatori di giochi per computer.

Baldur’s Gate Enhanced Edition
Un gruppo di sviluppatori riunito sotto l’etichetta Overhaul Games ha dato vita a una versione riveduta e corretta di uno dei più grandi capolavori del gioco di ruolo digitale, quel Baldur’s Gate firmato da Bioware che ha dato vita a una vera e propria rinascita del genere. Scopriamo se val la pena tornare sulle lande di Faerun.

Baldur’s Gate II: Shadows of Amn
Il seguito di Baldur’s Gate cambia molte carte in tavola: scompare la libertà di esplorazione, compensata però da una nuova attenzione verso i compagni di viaggio e da una gran quantità di rifiniture del motore di gioco.

Baldur’s Gate II Enhanced Edition
Overhaul Games ci riprova e ci offre la versione riveduta e corretta del secondo capitolo della celeberrima saga di Bioware. Il risultato è senza dubbio migliore di quanto visto a proposito del primo capitolo, ma siamo ancora di fronte a un acquisto tutt’altro che obbligato.

Balrum
Una coppia di giovani sviluppatori ungheresi ha dato vita a un ambizioso GdR classico a esplorazione (quasi) libera. Abbiamo deciso di sostenere il progetto e ora siamo pronti a dare un giudizio.

Dawn of magic
Nel 2007 la casa di sviluppo russa Skyfall Entertainment ha pubblicato un nuovo GdR action. Purtroppo, Dawn of Magic non ha assolutamente i mezzi per competere con l’agguerritissima concorrenza del settore.

Depths of Peril
L’indipendenza dalle grandi case di produzione e distribuzione dà una libertà di sperimentare che non è facile trovare concretizzata nei kolossal: il gioco di cui ci apprestiamo a parlare è un vero e proprio esperimento, purtroppo riuscito solo in parte.

Diablo III
Dopo ‘soli’ dodici anni di attesa, è arrivato sui nostri monitor il nuovo capitolo della più importante saga di GdR d’azione per computer. Il risultato è senza dubbio degno di nota, pur presentando elementi di innovazione che fanno discutere e che consentono riflessioni ad ampio raggio sullo stato di evoluzione del nostro hobby preferito.

Diablo III: Reaper of Souls
La prima espansione ufficiale dell’ultimo lavoro di Blizzard aggiunge un nuovo atto alla campagna originale, oltre che un nuovo eroe e una nuova modalità di gioco. Le novità più interessanti, però, sono quelle introdotte nel titolo dalle ultime patch correttive.

Divine Divinity
Approfittiamo della ripubblicazione in download digitale e dell’uscita del secondo capitolo per tornare a parlare di uno dei GdR più validi e più sottovalutati di tutto il decennio che sta per concludersi.

Beyond Divinity
Lo spin off del notevole Divine Divinity purtroppo non è all’altezza delle aspettative.

Divinity II: Ego Draconis
Analizziamo nel dettaglio il secondo capitolo ‘ufficiale’ di una delle saghe più interessanti del GdR digitale: un prodotto multiforme, godibile e dotato di rara genuinità.

Divinity II: Flames of Vengeance
L’espansione di Divinity II si concentra, molto intelligentemente, sui punti di forza del gioco base, offrendoci molte ore di valido intrattenimento a base di missioni varie, complesse e ispirate.

Divinity Original Sin
Nonostante i suoi innumerevoli limiti, la nuova incarnazione della saga di Larian è un titolo per tanti versi sorprendente: vastissimo, intricato e dotato di un sistema di combattimento forse tra i migliori mai visti.

Divinity Original Sin II
Il quarto capitolo della saga Divinity di Larian, secondo della sotto-saga Original Sin, è un gioco straordinario: denso, profondo, ricco, sfaccettato. Ma ha anche qualche non trascurabile criticità. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Dragon Age Origins
Il nuovo prodotto di Bioware, auto-nominatosi erede della saga tradizionale forse più amata dai giocatori di ruolo per computer, è un grande capolavoro. E come tutti i capolavori è sfaccettato, multiforme, screziato, discutibile, sconvolgente e sottilmente tragico.

Dragon Age Origins: Awakening
L’espansione maggiore del primo capitolo della nuova saga fantasy di Bioware offre nuovi contenuti sicuramente interessanti, ma non certo in grado di competere con l’eccellenza del titolo base; e le espansioni minori sono complessivamente deludenti.

Dragon Age II
Il secondo capitolo della saga fantasy di Bioware conferma molti elementi validi visti nel primo, ma introduce anche alcuni cambiamenti decisamente poco riusciti, e denota in più parti una realizzazione affrettata e superficiale.

Dragon Age Inquisition
Il terzo capitolo della serie di GdR fantasy del colosso Bioware butta il cuore oltre l’ostacolo e punta all’unione ‘impossibile’ tra storia forte e libera esplorazione. Il risultato è, a nostro avviso, qualcosa di molto simile a un disastro.

Dragonshard
Stranamente, fino a questo momento la popolarissima licenza di Dungeons & Dragons non era mai stata adoperata per un gioco strategico in tempo reale. Colma questa lacuna Liquid Entertainment di Ed del Castillo, con un gioco che promette una sorta di ‘commistione separata’ tra strategia e GdR action. Vediamo se il risultato è apprezzabile.

Drakensang
I ragazzi tedeschi di Radon Labs presentano un GdR valido e interessante, tratto da un regolamento mai sfruttato a livello digitale, e in più proposto, qui in Italia, a un prezzo davvero allettante.

Drakensang: The River of Time
Il secondo capitolo della saga di Drakensang arriva sui nostri computer accompagnato da aspettative importanti: ce l’avranno fatta i ragazzi tedeschi di Radon Labs a superare i limiti della loro opera prima e a sfornare un prodotto in grado di competere con i ‘mostri sacri’?

Drakensang: Phileasson’s Secret
Radon Labs ha pubblicato una espansione per il suo Drakensang: The River of Time. La qualità è apprezzabile, ma si tratta di semplice “more of the same”.

Dungeon Siege II
Qualche anno fa, la casa di sviluppo chiamata Gas Powered Games, capitanata da un veterano della ‘vecchia’ strategia in tempo reale come Chris Taylor, pubblicava Dungeon Siege, GdR action tanto sfavillante graficamente quanto superficiale nella giocabilità. Ora è uscito un seguito che porta molto in avanti le idee presenti nel concept originale.

Dungeon Siege II: Broken World
Dopo aver sconfitto il cattivone Valdis, il nostro eroe di Aranna scopre che dietro di lui c’era un altro cattivone, un non meglio precisato mago vestito di nero. L’avventura ricomincia, e diventa un intero pacchetto di espansione di uno dei migliori action-RPG degli ultimi anni.

Elex
Il nuovo prodotto di Piranha Bytes è senza dubbio più interessante del piatto Risen 3: Titan Lords, ma è colmo di manchevolezze e di scelte di design davvero discutibili.

Eschalon: Book I
Gli esordienti sviluppatori di Basilisk Games hanno sfornato come opera prima un RPG tanto virtuosistico dal punto di vista della programmazione quanto consapevolmente “vecchio” e sorpassato nelle meccaniche di gioco.

Eschalon: Book II
Il secondo capitolo della serie di GdR indipendenti realizzata da Basilisk Games migliora leggermente le premesse del gioco originale, ma senza abbandonarne la filosofia ‘masochistica’.

Fallout / Fallout 2
In attesa dell’ormai imminente terzo capitolo, La Maschera Riposta si dà al retrogaming e torna alla scoperta di due tra i massimi capolavori del gioco di ruolo per computer.

Fallout 3
Uno dei seguiti attesi con maggior timore e trepidazione da tutti gli appassionati è arrivato sui nostri hard disk. Lasciate pure da parte ogni dubbio: Fallout 3 è un grande capolavoro.

Fallout 3: second opinion
Molti anni dopo la sua pubblicazione, Fallout 3 è ancora un prodotto interessante e degno di nota. Torniamo a parlarne, con una attenzione particolare verso le cinque espansioni ufficiali e i più interessanti mod prodotti dalla comunità.

Fallout New Vegas
Obsidian ci dà la sua interpretazione “d’autore” del mondo della devastazione post-nucleare in versione contemporanea, sfornando un prodotto che compete ad armi pari con il recente lavoro di Bethesda.

Fallout New Vegas: Dead Money
La prima mini-espansione per il Fallout di Obsidian è una profonda e originale avventura caratterizzata da un livello qualitativo almeno paragonabile a quello del gioco base.

Fallout New Vegas: Honest Hearts
La seconda mini-espansione per il capolavoro di Obsidian ci mette davanti le distese dei canyon di Zion, nelle quali ci aspetta una nuova e interessante avventura e tanti suggestivi panorami.

Fallout New Vegas: Old World Blues
Con la terza mini (si fa per dire) espansione per Fallout New Vegas, Obsidian e Bethesda mostrano al mondo come interpretare e utilizzare al meglio l’idea del contenuto scaricabile. Speriamo che l’esempio venga seguito.

Fallout New Vegas: Lonesome Road
L’ultima espansione per l’ormai sterminato mondo di Fallout New Vegas ci porta sulle tracce di un personaggio enigmatico, che apparentemente sa molte cose sul passato del nostro alter ego.

Fallout 4
Il nuovo GdR di Bethesda è un’opera grandiosa e coinvolgente, ma è anche il primo prodotto di punta di questa casa di sviluppo statunitense per il quale non ci sentiremmo di spendere la parola “capolavoro”.

Geneforge
Lo scintillio dei grandi giochi di ruolo per il mercato di massa può celare allo sguardo l’esistenza di tutto un mondo di produzioni indipendenti, povere di effetti speciali ma spesso ricche di contenuto e di passione. La maschera riposta inizia il suo viaggio dentro questo mondo con Geneforge di Spiderweb Software.

Gothic
Nel 2001 la sconosciuta casa di sviluppo tedesca Piranha Bytes dà alle stampe un GdR destinato a lasciare un segno indelebile non solo nella memoria degli appassionati ma anche nell’intera evoluzione del genere. Gothic è una perla rara, un prodotto unico e irripetibile, che merita di essere giocato ancora oggi.

Gothic II
In occasione del rifacimento del sito, abbiamo deciso di riprendere in mano il più grande capolavoro di Piranha Bytes, rigorosamente nella sua incarnazione ‘liscia’, cioè senza la tremenda espansione (di cui comunque riproponiamo la recensione originale in un apposito excursus).

Gothic 3
Una delle serie di RPG più genuine e ‘ruspanti’ del mercato è arrivata al suo terzo episodio. Purtroppo, Piranha Bytes si dimostra incapace di far fare al suo prodotto il salto di qualità di cui aveva bisogno, e si mette nei guai firmando un’uscita affrettata, instabile e piena di piccole delusioni.

Grim Dawn
Nel 2016 gli sviluppatori americani radunati sotto l’etichetta di Crate Entertainment hanno dato alle stampe un GdR action che ha ricevuto molto seguito e altrettanto onore presso recensori prestigiosi. Eppure, Grim Dawn non ci ha convinto. Vediamo perché.

Guild Wars
Si può coniugare il gioco online con la presenza di una trama importante, contemporaneamente senza pesare troppo sulle tasche dei giocatori? A questa domanda hanno tentato di rispondere gli sviluppatori di ArenaNet attraverso Guild Wars, un gioco che è già bestseller e che ha ricevuto plauso anche da gran parte della critica. Proviamo a valutarlo nell’ottica del giocatore di ruolo.

Hard to be a God
Dagli autori russi di Burut Games arriva un gioco passato senza clamore sotto gli occhi della critica, anzi talvolta violentemente stroncato. Peccato, perché secondo noi è forse la più grande sorpresa dell’anno appena trascorso.

Icewind Dale
Dopo l’eccezionale Planescape: Torment e prima della pietra miliare Baldur’s Gate II: Shadows of Amn, il mai troppo celebrato motore di gioco Infinity prende corpo in un dungeon crawler di straordinaria profondità.

Icewind Dale: Enhanced Edition
Diamo un’occhiata alla riedizione del capolavoro di Black Isle a opera di Beamdog, che rappresenta senza dubbio il modo migliore, oggi, per godere di questo esemplare dungeon crawl.

Jade Empire: Special Edition
Dopo anni di attesa, giunge su PC uno dei bestseller della console di Microsoft Xbox. Bioware non delude, regalandoci un RPG action profondo ed elegante, che sprizza da tutti i pori incontestabile professionalità.

Mass Effect
Il nuovo GdR per computer di Bioware, conversione dell’omonimo bestseller per console, si caratterizza per la consueta caratura hollywoodiana che in questo caso, però, si affianca a lacune e a inconsistenze non del tutto trascurabili.

Mass Effect 2
Il secondo capitolo della space opera di Bioware abbandona le ambiguità dell’esordio e punta a una sempre maggior semplificazione, raggiungendo in questo modo, non troppo paradossalmente, uno stato assai vicino alla perfezione.

Mass Effect 3
La grandiosa space opera di Bioware è giunta alla fine, con un terzo capitolo che conferma tutte le ottime caratteristiche del predecessore e che offre contenuti complessi e controversi, peraltro non sempre ‘risolti’ con agilità dagli autori.

Mass Effect Andromeda
Dopo la controversa conclusione della trilogia che ha inaugurato l’universo futuro immaginato da Bioware, tocca a un nuovo capitolo: l’abbandono della galassia corrisponde a un rinnovamento sostanziale della giocabilità, non sempre per il meglio.

Neverwinter Nights 2
È arrivato sui nostri PC il seguito del controverso RPG di Bioware Neverwinter Nights. Obsidian e il suo designer capo Chris Avellone ci accompagnano dentro un’altra delle loro profonde e contorte storie a cavallo tra il fantasy e la metafisica dei Piani.

Neverwinter Nights 2: Mask of the Betrayer
Ogni lavoro di Obsidian è l’appuntamento con un virtuosismo narrativo che fa invidia a tutti i romanzi fantasy in circolazione: la prima espansione di Neverwinter Nights 2 non fa eccezione.

Neverwinter Nights 2: Storm of Zehir
Con la seconda espansione di Neverwinter Nights 2, Obsidian effettua un apprezzabile tentativo di rinnovamento, purtroppo riuscito solo in minima parte.

Neverwinter Nights 2: Mysteries of Westgate
Il primo e presumibilmente unico modulo premium per Neverwinter Nights 2 è una piacevole avventura cittadina, di buona qualità ma senza picchi particolari.

Path of Exile
Il team neozelandese Grinding Gear Games ha partorito un GdR action che fa della giocabilità estrema la sua bandiera: le idee originali e il virtuosismo creativo non mancano, ma restano appannaggio dei fan sfegatati di Diablo e dei suoi epigoni.

Planescape: Torment
La morte come liberazione? Può quello che tutti temono trasformarsi, in casi particolari, nell’unica via di uscita possibile? E basterà la morte a sfuggire alle terribili responsabilità che ciascun essere umano si porta dentro al momento del trapasso? Non ci si crederà, ma stiamo parlando di un videogioco: uno dei migliori GdR mai pubblicati.

Planescape: Torment Enhanced Edition
Diamo un’occhiata al rifacimento del più venerato tra i giochi basati sul glorioso motore Infinity. Rimettersi nei panni del Nameless One, d’altro canto, è sempre un grande piacere (e un grande dolore)

Pillars of Eternity
Il successore spirituale di Baldur’s Gate, realizzato da Obsidian e finanziato tramite la piattaforma di crowdfunding Kickstarter, è sicuramente un prodotto degno di nota, anche se forse non rappresenta il capolavoro che molti stavano aspettando.

Pillars of Eternity: The White March
L’espansione del GdR isometrico old style di Obsidian non manca di qualche elemento di interesse, ma ribadisce anche punto per punto le debolezze del prodotto di cui fa parte

Puzzle Quest: Challenge of the Warlords
Il gioco che ci apprestiamo ad analizzare è un ibrido davvero originale: lo scheletro è quello di un semplice e tradizionale RPG, ma ciascun evento viene risolto attraverso avvincenti… puzzle!

Risen
Il nuovo gioco di Piranha Bytes è tanto piacevole e divertente quanto povero di innovazioni e infarcito di deja-vu. D’accordo che “squadra che vince non si cambia”, ma qui si esagera.

Risen 2: Dark Waters
Finalmente Piranha Bytes prova a rinnovare, senza tradirla, la sua formula storica: rispetto al passato, il risultato offre diversi passi in avanti, ma anche qualche passo indietro.

Risen 3: Titan Lords
L’ultima fatica di Piranha Bytes è un gioco senza infamia e senza lode, che ripropone le formule del passato senza troppa convinzione e ribadendo uno ad uno tutti i limiti di questo gruppo di autori.

Sacred – Sacred Underworld
Il singolare GdR action di Ascaron pubblicato nel 2004 vanta ancora un sottobosco di appassionati e modder: torniamo ad Ancaria e scopriamo se ne vale la pena.

Sacred II: Fallen Angel
Ascaron ha pubblicato da poco il secondo capitolo del suo GdR action Sacred. Se il gioco originale seppe a suo tempo farsi apprezzare per la vastità del mondo e la singolarità di certe trovate, il seguito purtroppo non fa altro che proporre more of the same.

The Elder Scrolls III: Morrowind
Il terzo capitolo dell’oggi celeberrima saga di Bethesda è il gioco che ha portato la saga stessa da passatempo di pochi appassionati a fenomeno di massa. Un prodotto tanto enorme quanto enormemente rischioso, che ancora oggi può insegnare tanto agli sviluppatori di ogni ordine e grado.

The Elder Scrolls IV: Oblivion
Dopo un’attesa che forse non ha precedenti in quanto a grado di trepidazione (almeno per gli appassionati di GdR), il quarto capitolo della serie The Elder Scrolls è approdato sui nostri computer e sulle nostre vite di videogiocatori. Con Oblivion, Bethesda si dimostra ancora e più che mai il gruppo di sviluppatori più vicino ai sogni e alle speranze del giocatore di ruolo di tutto il mondo.

The Elder Scrolls IV: Knights Of The Nine
Una fazione nuova di zecca con tante quest, e in più tutti i plugin ufficiali pubblicati fino a questo momento: con questo pacchetto di nuovi contenuti per Oblivion, Bethesda espande il suo già colossale titolo di punta.

The Elder Scrolls IV: Shivering Isles
Dopo la quasi-espansione costituita dal grande plugin Knights of the Nine, Bethesda presenta la sua prima vera espansione per Oblivion: una realtà parallela a Cyrodiil e piena di tante interessanti novità.

The Elder Scrolls IV: Oblivion – Second Opinion
La campagna principale è terminata, Cyrodiil è salva dall’invasione demoniaca, più di 200 ore sono passate da quando il nostro personaggio è uscito dalle fetide prigioni imperiali. Torniamo a parlare del quarto capitolo della saga più amata dai giocatori di ruolo su computer, e diamo qualche consiglio su come ‘moddarlo’ a dovere.

The Elder Scrolls V: Skyrim
Il quinto capitolo della saga di GdR di Bethesda, vessillo imbattuto di quella che abbiamo chiamato interpretazione totale, è un’opera colossale, curatissima e sfaccettata, che conferma molte aspettative ma che innesta nella filosofia della serie anche elementi nuovi, alcuni discutibili e altri interessanti.

The Elder Scrolls V: Dawnguard
La prima espansione ufficiale per Skyrim è una nuova avventura che somiglia molto, in realtà, a una nuova gilda, o meglio a due gilde contrapposte. Diventeremo “Signori dei vampiri” o “Cacciatori di vampiri”?

The Elder Scrolls V: Hearthfire
La seconda espansione dell’ultimo capolavoro Bethesda è un innocuo divertissement incentrato sulla costruzione e decorazione di enormi ‘case’ per il personaggio giocante. Da cacciatore di draghi a designer di interni?

The Elder Scrolls V: Dragonborn
La terza e ultima espansione ufficiale per Skyrim aggiunge all’immenso mondo presente nel gioco base una nuova appendice, peraltro già visitata durante Morrowind, ossia l’isola di Solstheim. Varrà la pena imbarcarsi per la nuova destinazione?

The Elder Scrolls V: Skyrim – Second Opinion
I giochi della saga The Elder Scrolls sono talmente corposi e talmente mutevoli nel tempo (grazie ai mod) da far sì che anche le loro recensioni siano un continuo work in progress. Dopo più di trecento ore di gioco, torniamo a parlare dell’ultimo capitolo, Skyrim, con un occhio di riguardo anche alla situazione del modding.

The Witcher
Le lunghe attese spesso valgono la pena. Per giocare a un capolavoro come The Witcher, avremmo aspettato volentieri anche altri cinque, dieci, venti anni.

The Witcher II: Assassins of Kings
Pur se lontano dalla perfezione, il secondo capitolo della saga prodotta e realizzata da CdProjekt è senza dubbio uno dei GdR più significativi, più profondi e più ‘passionali’ degli ultimi anni.

The Witcher II: Enhanced Edition
Torniamo a parlare dell’ultima fatica di CdProjekt non solo per render conto delle interessanti modifiche introdotte dalla Enhanced Edition, ma anche per condividere alcune interessanti riflessioni scatenate dalla nostra seconda volta.

The Witcher III: Wild Hunt
Il terzo capitolo della saga di Geralt il Witcher è un prodotto eccezionale, sia in quanto a dimensioni sia in quanto a meccanismi di gioco e  profondità.

Titan Quest
Certe formule ludiche sembrano veramente ‘magiche’: riproposte a distanza di anni con pochissime variazioni, paiono sempre e comunque capaci di attirare l’attenzione e la passione del pubblico. Iron Lore Entertainment ha tirato fuori dal suo cappello l’ennesimo GdR action ‘alla Diablo’: incredibile a dirsi ma anche questa volta il colpo è a segno.

Titan Quest: Immortal Throne
Iron Lore ha appena pubblicato l’espansione del suo acclamato GdR action Titan Quest: scopriamo se vale la pena tornare a combattere nel mondo dei miti antichi.

Torchlight
Da sviluppatori già membri dell’immensa Blizzard arriva un GdR action che strizza entrambi gli occhi al capolavoro Diablo.

Torment: Tides of Numenera
Il successore spirituale dello straordinario Planescape: Torment è un gioco di altissimo livello e di profondissimo spessore, che non raggiunge l’eccellenza solo per la sua natura derivativa e per il suo sviluppo travagliato.

Two Worlds
La casa di sviluppo polacca Reality Pump agisce e stupisce pubblicando un ambizioso kolossal, un GdR aperto dalle proporzioni gigantesche. Proviamo a scoprire cosa ci riserva il mondo di Two Worlds.

Two Worlds – second opinion
Il GdR di Reality Pump è stato recentemente arricchito da diverse patch e mini-espansioni: approfittiamone per tornare a parlarne, con un occhio di riguardo alle caratteristiche che emergono dopo molte ore di gioco.

Two Worlds II
Reality Pump torna alla sua saga di GdR digitali innestando in essa notevoli miglioramenti, che però, purtroppo, non si traducono in un tangibile salto di qualità complessivo.

Scroll to Top